Montebuono

Montebuono è un comune di circa 1.000 abitanti. L'insediamento principale è costituito dal borgo medievale che si colloca su un'altura che consente al visitatore di mirare un panorama immenso fatto di verde e ville, quasi come se fosse una immensa e ricca zona residenziale. Il monte S. Benedetto protegge il paese dai venti freddi del nord favorendo un clima mite tutto l'anno (da cui il nome Montebuono). Salendo su per il pendio del monte si ha la possibilità di vedere tutto il borgo dall'alto e di godere di un panorama meraviglioso che spazia dai Monti Cimini, al Soratte e ai Monti Sabini. Poco distante dal borgo, a ridosso del cimitero, in località Sargnano, si trova l'importante chiesa di San Pietro denominata “ad Muricentum” o “ad Centum murum”, come le fonti la definiscono, per la presenza di numerosi resti romani. Sembra sia stata costruita sull'antica villa di Agrippa. A poca distanza c'è poi Fianello. Da alcune ricerche storiche risulta che, nel Medioevo, Fianello è stato possedimento del Ducato longobardo di Spoleto (591-800 d. C.), poi dei Savelli e, nel Rinascimento, degli Orsini. Una meta da non perdere per il fascino che trasuda e per gli importanti ritrovamenti archeologici e storici del periodo sabino, romanico e longobardo.

Montebuono is a town of about 1000 inhabitants. The main settlement consists of the medieval village that is located on a hill that allows the visitor to look onto an immense landscape made of greenery and villas, almost as if it were an immense and rich residential area. Mount St. Benedict protects the country from the cold winds of the north favoring a mild climate all year round (hence the name Montebuono). Going up the slope of the mountain you have the opportunity to see the whole village from above and enjoy a wonderful view that ranges from the Cimini Mountains, to Soratte and Monti Sabini. Not far from the village, near the cemetery, in Sargnano, is the important church of San Pietro called "ad Muricentum" or "ad Centum murum", as the sources define it, due to the presence of numerous Roman remains. It seems to have been built on the ancient villa of Agrippa. Fianello is a short distance away. Some historical research shows that, in the Middle Ages, Fianello was owned by the Longobard Duchy of Spoleto (591-800 AD), then by the Savelli family and, in the Renaissance, by the Orsini family. A not to be missed destination for the exuding charm and for the important archaeological and historical findings of the Sabine, Romanesque and Lombard periods.





Cantalupo in S.

  1. Comune
    icona
  2. Porta Maggiore
    icona

Casperia

  1. Comune
    icona
  2. Il Borgo
    icona

Castelnuovo di F.

  1. Il Borgo
    icona

Collevecchio

  1. Grappignano
    icona

Configni

  1. Il Borgo
    icona

Cottanello

  1. Comune
    icona
  2. La Cava
    icona

Forano

  1. Comune
    icona
  2. La Chiesa Evangelica
    icona

Frasso Sabino

  1. Comune
    icona
  2. La Grotta dei Massacci
    icona

Montasola

  1. Comune
    icona
  2. La Chiesa dell'Oratorio
    icona

Montebuono

  1. Comune
    icona
  2. Chiesa di San Pietro
    icona

Monteleone Sabino

  1. Cammino di Santa Vittoria
    icona

Montopoli di Sabina

  1. Comune
    icona
  2. Bocchignano
    icona

Poggio Catino

  1. Comune
    icona
  2. La Rocca
    icona

Poggio Mirteto

  1. Comune
    icona
  2. Castel San Pietro
    icona

Poggio Nativo

  1. Comune
    icona
  2. Convento di San Paolo
    icona

Roccantica

  1. Comune
    icona

Selci

  1. Residenza d'Arte
    icona

Stimigliano

  1. Comune
    icona
  2. Chiesa SS Cosima e Damiano
    icona

Tarano

  1. Comune
    icona
  2. Chiesa di S. Maria Assunta
    icona

Toffia

  1. Comune
    icona
  2. Chiesa di San Lorenzo
    icona

Torri in Sabina

  1. Comune
    icona
  2. Gli Archi
    icona

Vacone

  1. Comune
    icona

Info Utili

WEB LINK
EMERGENZA


Video